Allevamento Chihuahua di Villa Andrei, cucciolata Chihuahua figli di campioni di razza


L’origine della razza.

Da dove provengono i Chihuahua? Come mai hanno preso questo nome?

Il nome della razza Chihuahua è stato preso con riferimento allo Stato del Chihuahua, in Messico.

I primi abitanti conosciuti di questo territorio furono i Maya. Essi avevano un piccolo cane conosciuto come Techichi, un nome antico nella lingua Nahuatl, ed è molto probabile che esso fu il predecessore della razza Chihuahua che conosciamo oggi. Gli storici, in riferimento dicono che esso fu “piccolo e grosso”.

A seguito dei Maya ci furono i Toltechi, che costruirono le piramidi di Cholula, nelle quali sono state trovate sculture che assomigliano al cane di razza Chihuahua.

Dopo i Toltechi che svanirono misteriosamente da quelle terre, ci furono i Chichimechi – un popolo guerriero ed altri più civilizzati come gli Aztechi.

Nel 1519 con la spedizione spagnola di Hernando Cortèz questa popolazione fu decimata nella speranza di convertirli al cristianesimo.

Una lettera di Cristoforo Colombo informa il Re di Spagna che furono trovati, nell’approdo in Cuba dei cani silenziosi che non abbaiavano come tutti gli altri cani e per giunta addomesticati. Cuba non è distante dal Messico, e così è molto probabile che i cani ai quali si riferisce Colombo possano essere stati i Chihuahua o Techichi.

Attualmente esiste una sola razza di cane “che non abbaia” – il Basenji. Può dunque essere che il Chihuahua era un cane “che non abbaia” anch’esso? E che con l’introduzione di qualche altra linea di sangue esso ha acquisito la capacità di produrre piccoli abbai i quali associamo al Chihuahua moderno.

Tornando agli esploratori del Nuovo Mondo, è ragionevole supporre che essi tornarono in Europa con qualche esemplare di questi cani.

Troviamo una prima rappresentazione europea raffigurante un piccolo cane con le sembianze del Chihuahua di un colore chiaro ed apparentemente a pelo corto, in “Prove di Mosè” (1481 – 1482) di Sandro Botticelli.

E’ interessante che Amerigo Vespucci è stato un contemporaneo di Botticelli, il qual visse a Firenze vicino alla famiglia di Vespucci con la quale fu in buoni rapporti (essi lo introdussero ai Medici e lui dipinse “Marte e Venere” per loro). Si può indubbiamente dire che gli italiani detenevano i Chihuahua.

Molti scavi archeologici nel territorio dei Maya, compreso Chichen Itza nella penisola dello Yucatan confermano che dei piccoli cani furono comunemente presenti tra la popolazione.

A metà del sedicesimo secolo un frate spagnolo – Bernardino de Sahagun – studiò gli Aztechi. Egli riuscì a trovare sette nomi associati ai cani nativi. Uno è Tlalchichi – “bassoe grosso, eccellente da mangiare”. Altri autori che ne fanno riferimento. Per esempio:

“ Il cane … era universalmente addomesticato. Nel Nord America era una bestia da soma; in Messico parte della dieta”.

“ Gli Aztechi erano poveri di animali domestici. Avevano diverse varietà di cani, uno di questi era allevato per nutrirsene”.

Sono state rinvenute numerose statuette e figure raffiguranti indubbiamente il Chihuahua - provenienti da Colima e reliquie della tribĂą di Huasteca.

Un dato certo è che in Messico alcuni piccoli cani furono allevati e fatti ingrassare per cibarsene.

In contrasto con questa affermazione esiste una teoria ben consolidata che i Messicani detenevano i loro minuscoli cani perché credevano che essi potevano guidare le loro anime dalla morte alla felicità eterna. I cani di colore rosso venivano sacrificati nelle cerimonie funebri, mentre quelli chiari e blu venivano sotterrati o cremati con il defunto. Sempre in Messico si credeva che la malattia potesse essere curata tramite il suo trasferimento dal malato al cane. Inoltre si credeva (si crede tutt’ora?) che i cani potessero predire il futuro. Una leggenda narra che il cane di Montezuma predisse che un’alluvione avrebbe devastato la terra, così l’imperatore azteco costruì un’arca ma dimenticò di invitare il cane, il quale costruì anch’esso una piccola arca di bambù. Finita l’alluvione il Chihuahua saltò in grembo a Montezuma che fu contentissimo di vederlo di nuovo.

Attorno al 1950 in Messico, il Maggiore Mundey allevò un tipo di “chihuahua”. I suoi cani erano abbastanza grandi e con zampe molto lunghe ed enormi orecchia, li chiamò Chihuahuenos. Ma secondo alcuni studiosi della razza, non si trattava del Chihuahua di cui abbiamo parlato prima, ma di un qualche incrocio.

Indagini genetiche hanno dimostrato che l’attuale Chihuahua è il risultato di incroci di cani europei, ma hanno anche dimostrato che uno degli aplotipi del DNA mitocondriale, presente nel moderno Chihuahua è stato rilevato anche in cani del Messico precolombiano. Quindi il moderno Chihuahua potrebbe essere il risultato dell’incrocio dell’antico Techihi con i piccoli cani europei.

Nel 1884 in USA si esibì il primo Chihuahua registrato come “Chihuahua terrier”.

Nel 1904 fu registrato il primo Chihuahua nei Libri Genealogici dell’AKC (American Kennel Club).

Nel corso del 900 Ida H.Garrett e Clara Dobbs svilupparono una linea di sangue che dominò gli standard per oltre cinquant’anni.

Nel 1923 fu fondato il CCA (Chihuahua Club of America) ad opera del pionieri della razza e contestualmente fu redatto lo standard ufficiale.

Nel 1924 l’AKC riconosce la razza del Chihuahua.

Nel 1926 l’AKC riconosce due varietà: pelo corto e pelo lungo.

Nel 1928 è nominato il primo campione mondiale della razza – “Don Gringo”.

In Italia i pionieri della razza furono il Conte Giovanni Lanza di Mazzarino e la Contessa Licia Lanza di Mazzarino, che a partire dagli anni ’50 hanno introdotto i primi esemplari nel paese e iniziarono ad allevarli con l’affisso “ Del Brusuglio”.

"CUCCIOLI CHIHUAHUA DISPONIBILI IN DIRETTA WEBCAM DELL'ALLEVAMENTO VILLA ANDREI"


Allevamento Chihuahua di Villa Andrei
Di Antonino Sottile & Masha Goncharenko
Via Panoramica dello Stretto n. 1840
98168 MESSINA
CELL. +39 331-7764252 - +39 371-3715651 - +39 339-7323968
TEL. +39 090-311240 - FAX + 39 090-311365
info@chihuahuaitalia.it
     
| Video || Webcam |
Cookie Policy
Disclaimer: Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n°62 del 7.03.2001. Le immagini pubblicate su questo sito provengono in parte dalla rete. Nel caso la loro pubblicazione dovesse violare eventuali diritti d'autore, prego di comunicarlo, verranno rimosse immediatamente.